1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer

Fermiamo la megacentrale: la tutela del territorio, l'ambiente e la salute non si vendono e non si barattano!

Continua l'assalto alla diligenza da parte delle multinazionali colossi dell'energia che intendono realizzare nei territori tra Gonnosfanadiga e Guspini e tra Decimoputzu e Villasor due mega centrali termodinamiche solari 55 Mw tra le più grandi d'Europa promettendo investimenti e posti di lavoro, niente di più falso, ma sottraendo complessivamente più di 500 ettari di terreni agricoli e pascoli e minacciando con arroganza i proprietari...

Leggi tutto...

A tutti i Sardisti nell’imminenza dell’appuntamento elettorale

Cari Sardisti, 

il 5 giugno numerose comunità dell’Isola sono chiamate ad un importante appuntamento elettorale per la selezione di una classe dirigente che governi a livello locale questa difficile congiuntura storica, economica e sociale. Una complessità che reca con sé anche i sintomi pericolosi della disaffezione e della rassegnazione di consistenti segmenti della società sarda: astensionismo, rifiuto e condanna sistematica dell’organizzazione democratica del consenso e della rappresentanza mediante partiti sono soltanto la superficie più immediatamente visibile di un progressivo divario tra politica e cittadini, che mai come oggi paiono marciare su linee divergenti...

Leggi tutto...

Del PSd’Az la prima Interrogazione nella storia della Città metropolitana di Cagliari, contro la concessione di spazi pubblici per manifestazioni antisemite

È a firma sardista la prima Interrogazione nella storia della Città metropolitana di Cagliari.L’ha presentata Franco Magi, neoeletto Consigliere metropolitano nella lista dei Quattromori per chiedere “sic et simpliciter” al Sindaco metropolitano Massimo Zedda di emettere una apposita ordinanza per “vietare l’uso di qualsivoglia locale pubblico a Cagliari per manifestazioni antisemite e di boicottaggio dello Stato di Israele”...

Leggi tutto...

Il più profondo cordoglio a nome di tutti i sardisti per la scomparsa di Pinuccio Sciola

Il Segretario Nazionale del Partito Sardo d'Azione, Christian Solinas, a nome di tutti i sardisti, esprime il più profondo cordoglio per la prematura scomparsa del grande ed indimenticabile artista dell'identità e delle tradizioni ataviche della Sardegna. "Pinuccio Sciola - ha affermato il leader sardista visibilmente commosso - ha condotto una vita di testimonianza artistica, culturale e sociale che ben rappresenta la fierezza, la genialità, l'indipendenza di tutto il Popolo Sardo...

Leggi tutto...

Il Novantacinquesimo compleanno segna un passaggio significativo della vita del PSd’Az

17 aprile 2016. Il 95° compleanno segna un passaggio significativo della vita del PSd’Az. Momento da un lato privilegiato e dall'altro complesso, comunque pervaso da rinnovata speranza verso la riproposizione della storica irrinunciabile mission: autogoverno e pacifica indipendenza, ideali validi oggi più di prima. Teniamoci uniti, perché sta soffiando un forte vento. L’attualità del partito infatti, è più attuale di noi stessi, dei nostri dubbi delle nostre fragilità. E’ un’attualità seria, responsabile, coscienziosa. E poi, chi oggi la rappresenta, è autorevole. Il giovane saggio Segretario Christian Solinas sa benissimo che i compleanni ricordano sommessamente attività incompiute insieme al nuovo cammino da percorrere e alla morsa stringente del tempo per realizzarle. Buon compleanno Sardisti...

Leggi tutto...

Chircàde in psdaz.net

Login a su Situ

Ammentos

Graziella Sechi Giacobbe: intellettuale, antifascista, femminista e sardista

Graziella Sechi Giacobbe: intellettuale, antifascista, femminista e sardista Graziella Sechi Giacobbe nacque a Nuoro nel 1901. Ricordata soprattutto per essere stata la moglie del sardista Dino Giacobbe e non già per la propria individualità ricca e originale. Tuttavia conosciuta anch’essa per il suo dichiarato spirito e sentimento antifascista , condiviso con le due dolci ed eroiche amiche Mariangela Maccioni e Marianna Bussalai,  intellettuali, antifasciste, femministe e sardiste che formarono, quella che si definì  la "Triade Femminista Sardista". A Graziella Sechi, Marianna Bussalai dedicherà una poesia pubblicata sulla rivista "Lumen" in occasione del delitto Matteotti intitolata “ A G.S. ardente figlia di Nuoro” dove dietro le iniziali di G.S. si nasconde la vera identità di Graziella Sechi. Da Graziella Sechi e Dino Giacobbe nacquero quattro figli: Giannetto, Simonetta , Caterina e Maria. Figli nati e cresciuti all’insegna dell’impegno civile, della libertà e della giustizia, del desiderio di conoscenza. “Questi sono i valori a cui ci hanno educato mio padre e mia madre, valori universali”, sottolinea Maria, diventata una grande scrittrice, in una nota autobiografica. Determinata, diretta, ma anche brillante e ironica. Dalla raccolta epistolare fra Dino e Graziella durante il periodo dell’esilio negli USA , affiora una famiglia speciale, in cui gli affetti si intrecciano all'impegno politico, condiviso e vissuto come necessità morale prima ancora che adesione a un'idea. Sullo sfondo, quasi in rapporto dialettico, Nuoro sorprendentemente viva e partecipe, più lontano Parigi, mitica culla di ogni libertà, e poi la Spagna sul cui suolo, fascismo e antifascismo si scontravano in un conflitto sanguinoso, reso ancora più drammatico per i repubblicani, dalle degenerazioni dello stalinismo. Il 17 aprile 1937 Graziella subì l’umiliazione del carcere, accusata di militanza contraria al regime, venne arrestata per 26 lunghissimi, interminabili giorni con l’accusa di aver espresso, in una lettera all’amica Mariangela Maccioni, solidarietà e simpatia nei confronti di un giovane orgolese, Giovanni Dettori, soprannominato Bande Nere, ammazzato mentre combatteva in Spagna contro i franchisti. Graziella Sechi nell’interrogatorio in questura afferma ”E’ vero che in quella lettera  manifesto simpatia verso Giovanni Dettori, morto combattendo fra i Rossi in Spagna. Io nutro infatti, simpatia verso tutti coloro che combattono per la propria fede. Mi dichiaro antifascista perché il fascismo non è un regime di libertà…”. Con lei fu arrestata pure l’amica, la maestra Mariangela Maccioni, per 39 giorni. Non contenti degli arresti e delle persecuzioni contro le due antifasciste nuoresi, il giornale della federazione fascista nuorese “Nuoro Littoria” scrive un articolo ingiurioso in cui arriva a chiamarle “due passionarie lesbiche”. Dino Giacobbe sfida a duello l’autore dell’articolo, il federale fascista Mario Canio e questo per tutta risposta lo fa arrestare. “Accetterà il duello più tardi – scrive Manlio Brigaglia – ma il prefetto proporrà che venga arrestato anche lui perché il duello è proibito dalla legge”. Giacobbe sperimenta cosìla violenza degli attacchi sui giornali dopo il carcere e l’emarginazione economica e sociale: privato del suo impiego pubblico, ottenuto per concorso, il fascismo gli rendeva difficile anche l’esercizio della libera professione di ingegnere, situazione che costò numerosi sacrifici a Graziella e tutta la famiglia. A ciò si aggiungeva l’assillante sorveglianza fascista, che rendeva impossibile ogni gesto che non fosse di resistenza passiva. “La nostra capacità di sopportazione si è esaurita”, scriveva Dino in un suo diario. “Ne concludo che con i mezzi legali l’Italia non potrà più scrollarsi la dittatura fascista: chi ne ha la forza deve andare a combattere il fascismo dove questo dà battaglia. Perciò in questo momento in Spagna”. “Di lì a poco – scrive la figlia Simonetta – il 2 settembre del ’37, Dino lascia clandestinamente l’Italia, raggiunge la Francia, governata in quel momento dal Fronte Popolare, col proposito di proseguire per la Spagna dove la guerra civile si era trasformata in uno spaventoso confronto internazionale fra nazifascismo e democrazia. Anche Graziella, che era sulla stessa linea politica, espressa apertamente anche in occasione dell ’interrogatorio che aveva subito in carcere, ben volentieri avrebbe seguito il marito se non avesse avuto quattro bambini da proteggere”. Maria era poco più che una bambina, nuorese di nascita e di sangue, quando pagò caro il prezzo della follia fascista. Il padre Dino era partito per la guerra civile spagnola, poi aveva cercato rifugio negli Stati Uniti d’America, mentre in Europa dilagava il mostro nazista. A Nuoro, intanto, Graziella e la famiglia Giacobbe aspettavano sue notizie via lettera. Lettere che facevano strani giri, passavano per l’Argentina e per la Svizzera, cambiando buste e francobolli così da sviare lo spionaggio italo-tedesco. Nell’anno 1944: Maria, allora figlia-crisalide, aveva seguito la mamma Graziella Sechi nell’avventuroso viaggio da Nuoro al capoluogo sardo nella speranza di trovare un militare americano che la aiutasse a ristabilire i rapporti epistolari con il marito Dino Giacobbe, suo grande amore di sempre . Un’esistenza, quella di Graziella Sechi Giacobbe, dentro una vita vissuta sotto la costrizione della censura, come un processo di testimonianza e di autocoscienza, in verità, non infelice perché sorretta da un’incrollabile fede religiosa e da un immenso amore verso la Sardegna. Si definisce appartenenza, quel sentimento abusato ed esibito oggi, quanto poco praticato nell’agire quotidiano e politico. La bella figura di Graziella Sechi Giacobbe suggerisce e raccomanda alle donne contemporanee, nella ordinarietà della vita familiare, dell’impegno politico, dell’agire quotidiano per l’affermazione dei diritti; la positiva e fiduciosa ricerca del sublime valore della  speranza. Una speranza però, che  non dobbiamo aspettare ci arrivi come la pioggia dal cielo, al contrario ci invita ed incoraggia ad  agire in pienezza di coscienza , sempre ricolma di contenuti efficaci per realizzarla. Dobbiamo agire oggi per i giovani e per le giovani che rappresentano il futuro del Popolo Sardo di domani.  Read more...

Vittorio Tredici, un fondatore del PSd’Az “Giusto fra le Nazioni”

Vittorio Tredici, un fondatore del PSd’Az “Giusto fra le Nazioni” Ufficiale combattente decorato al valor militare nella Grande Guerra, Vittorio Tredici (Iglesias 1892 – Roma 1967) fu uno dei più importanti fondatori del PSd’Az e animatore del sardismo cagliaritano nel primo dopoguerra. Dopo aver combattuto lo squadrismo con le camicie grigie sardiste al fianco di Emilio Lussu, in seguito aderì al sardo-fascismo con Egidio Pilia, Giovanni Cao, Enrico Hendric e Paolo Pili, che sognavano di influenzare in senso autonomista e sardista il fascismo isolano. Fu prima commissario prefettizio (1924-1926) e quindi Podestà (1927-1920) di Cagliari, dove operò con onestà ed efficienza. Esperto di questioni industriali e minerarie fu imprenditore, dirigente sindacale di Società ed Enti del settore, Deputato al Parlamento del Regno. Trasferitosi a Roma operò sino a cadere in disgrazia presso il fascismo per la sua opposizione all’entrata in guerra e alle politiche razziste del regime. Deluso, meno oberato da impegni politici e di lavoro, prese parte attiva alla vita della sua parrocchia di Santa Lucia, circonvallazione Clodia. Il parroco Ettore Cunial, suo intimo amico, raccontava che Tredici era il “factotum dell’Azione Cattolica e delle opere di carità della Parrocchia”. Il parroco aveva dato vita, per venire incontro ai più poveri, alle Comunità di palazzo che durante l’occupazione tedesca furono la base della rete di soccorso e resistenza nella quale Vittorio ebbe un ruolo di rilievo. Dal 16 ottobre 1943, giorno d’inizio della razzia nazista nel Ghetto romano, Tredici e la sua famiglia salvarono famiglie di Ebrei che evitarono così di essere uccisi nei lager di sterminio nazisti e furono aiutate anche dopo la Liberazione di Roma. Quella mattina, una giornata grigia e fredda bagnata da pioggia insistente, un camion di militari tedeschi si fermò in via Sabotino 2a, di fronte all’abitazione di Tredici. Era coperto da un telone scuro. Alcuni curiosi si erano fermati ad osservare la scena. Non si trattava di un normale trasporto di truppe. Il camion era pieno di civili, uomini, donne, vecchi e bambini. Era iniziata la grande razzia degli Ebrei romani nella Roma occupata dai nazisti. Prima dell’alba i tedeschi avevano bloccato le vie d’accesso alla zona e iniziato a portare via le famiglie, casa per casa. Nell’azione erano impegnate, oltre a un commando inviato da Adolf Eichman e guidato dal suo collaboratore fidato Denneker, alcune compagnie messe a disposizione dal comandante la piazza di Roma Stahel: 365 uomini. Gli italiani fascisti erano stati impegnati nell’organizzazione logistica. La città era stata divisa in 26 settori. In ognuno era operativa una squadra con camion che si muovevano in base ad un elenco nominativo su cui era indicato l’indirizzo di ogni famiglia ebrea. I militari tedeschi cercavano in via Sabotino la famiglia Funaro: l’unica famiglia di ebrei nel palazzo. Il portiere avvisò i Funaro che si precipitarono fuori di casa, un appartamento al quinto piano. Con l’ascensore scesero al primo mentre i tedeschi salivano le scale. Il portiere li nascose prima nel vano dell’ascensore e avvertì Vittorio Tredici che li fece entrare nel suo appartamento, dove viveva con la moglie e i nove figli. I tedeschi in casa Funaro trovarono solo Rodolfo, il padre di Vittorio Funaro, malato e immobilizzato. Il portiere disse loro che aveva una gravissima malattia infettiva e i tedeschi lasciarono lo stabile di via Sabotino a mani vuote. Il camion, dopo essersi fermato agli altri indirizzi della zona, si diresse verso Sud per il lungotevere e a mezzogiorno raggiunse il punto di raccolta nel Collegio militare in Via della Lungara. Qui 1265 persone -chi ancora in camicia da notte, chi vestito alla meglio- sotto la minaccia delle armi (donne, bambini, uomini anziani) vagavano per gli stanzoni cercando conforto. Dopo due giorni  furono deportati ad Auschwitz su carri bestiame piombati. Ritornarono soltanto in quindici. I Funaro nella casa di Tredici ripresero fiato. Rodolfo salì nel suo appartamento a prendere il padre malato e con l’aiuto di Tredici trovò una sistemazione per la moglie Virginia e il figlioletto Massimo in un istituto di Suore a Monteverde. Rodolfo, il padre e la madre Ester Gay si rifugiarono altrove. Successivamente Vittorio Tredici collaborò col parroco Cunial per nascondere ebrei, ricercati e partigiani nei locali della chiesa. Tredici era un cattolico praticante e frequentava la Parrocchia soprattutto dopo che il fascismo lo aveva respinto per la sua opposizione alla guerra e alle leggi razziali. Per questo poté partecipare a una delle reti di aiuto agli Ebrei in fuga che vide laici e religiosi operare a Roma assieme per salvare tanti Ebrei dai nazifascisti. L’attività di Tredici e del suo parroco non era un’eccezione nella Roma occupata che vide moltissimi Romani trovare un coraggio e una determinazione che forse neppure i tedeschi sospettavano, e che dimostrarono come le leggi razziali fossero respinte dalla maggioranza della popolazione. Oltre 4000 ebrei furono salvati dalle reti della chiesa cattolica e dai cittadini sino a quando gli Angloamericani entrarono nella Città eterna il 4 giugno del 1944 e la liberarono. L’attività di Vittorio Tredici si estese al sostegno della Resistenza a Roma, con grande rischio della vita sua e della famiglia. Nel dopoguerra una sentenza riconobbe che tutte le attività dl Vittorio Tredici durante il regime fascista erano state di natura tecnica e Vittorio fu assolto da ogni responsabilità. In seguito un provvedimento della Sezione speciale per le epurazioni del Consiglio di Stato lo reintegrò nel lavoro. Per le sue attività umanitarie, per aver rischiato la vita nel salvare da morte sicura famiglie di Ebrei, Vittorio Tredici ottenne postumo il riconoscimento di Giusto fra le Nazioni che gli fu conferito il 16 giugno 1997. L’ambasciatore israeliano in Italia consegnò ai familiari una medaglia e un attestato il 20 novembre del 1997, il suo nome fu iscritto sul Muro d’onore o Muro dei giusti nel Giardino dei Giusti del museo Yad Vashem a Gerusalemme. La memoria di questi Giusti -anche altri Sardi lo furono- non deve andare perduta.  Read more...

Mio padre Francesco Puligheddu

Mio padre Francesco Puligheddu Mio padre nasce ad Oliena il 18 aprile 1930, da Salvatore e Sebastiana; due giovani di condizione sociale modesta, lui abile artigiano del cuoio, un po’ idealista, lei contadina, entrambi di formazione e fede cattolica. Salvatore, partito come volontario nella guerra spagnola del 1936... Read more...

La Brigata Sassari e il Partito Sardo d'Azione

La Brigata Sassari e il Partito Sardo d'Azione Per la prima volta, la gioventù sarda si trovava assieme, in una formazione sarda. Bisognava andare molto lontano nella sua storia per trovare un avvenimento simile. Sembravano già molti i 400 archibugieri sardi di Filippo II alla battaglia di Lepanto. E scarsi dovevano essere i presenti alle Milizie che accompagnarono Giovanni Maria Angioj nella sua marcia da Sassari a Cagliari, durante l'ultima fase della rivolta anti-feudale: non più dell'organico di un reggimento d'oggi... Read more...

Michele Columbu, unu ammentu

Michele Columbu, unu ammentu A un’annu dae sa dispedida de Micheli Culumbu cherzo ammentare sa frigura de cust’omine politicu e iscrittore chi at sighiu cun passione politica e literaria custos ùrtimos belle settant’annos de istòria cussideradu chi at comintzau faghende su sindicu de su CNL in su 1944 e l’at finia cun s’ùrtimu interventu pubblicu in d-unu cossizu nazionale de su partidu in su mes’e marthu de su 2009... Read more...

Mario Melis, il Presidente sardista

Mario Melis, il Presidente sardista Mario Melis nasceva a Tortolì il 10 luglio del 1921 da Michelina Corrias e Giuseppe Melis, ultimo di una numerosa famiglia composta da otto fratelli... Read more...

Davide Cova, il fondatore del Solco

Davide Cova, il fondatore del Solco Davide Cova (Cagliari 1891 – Oristano 1947), figlio di un ottico lombardo-veneto con studio in via Manno, è certamente da includere tra i più genuini artefici e principali promotori di quelle idealità ed azioni che animarono i movimenti per il riscatto e rinascita dell’Isola nel primo Novecento... Read more...
Previous
Next

Calendàriu

Giugno 2017
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30

Novas

A Serramanna la 1° Conferenza Organizzativa e Programmatica della Federazione PSd'Az Sud Sardegna e…

Author: Redazione

A Serramanna la 1° Conferenza Organizzativa e Programmatica della Federazione PSd'Az Sud Sardegna e adesione Manifestazione del 25 marzo contro Parco termodinamico Guspini-Gonnosfanadiga

Il prossimo venerdì 24 marzo 2017 alle o…

Leggi tutto...

Sezione Mediterranea: comincia primo ciclo di Conferenze programmatiche sardiste su differenti probl…

Author: Redazione

Sezione Mediterranea: comincia primo ciclo di Conferenze programmatiche sardiste su differenti problematiche della città di Cagliari

Lo scorso mercoledì 15 febbraio ha avuto…

Leggi tutto...

Porto Torres, Sezione PSd’Az A. S. Mossa: "La politica dell’illusione populista sta affossando la no…

Author: Redazione

Porto Torres, Sezione PSd’Az A. S. Mossa:

Il direttivo della sezione A. S. Mossa d

Leggi tutto...

Giaccu (Psd’az): La logica dei capobastone non ci appartiene, l’unica nostra prospettiva è il riscat…

Author: Redazione

Giaccu (Psd’az): La logica dei capobastone non ci appartiene, l’unica nostra prospettiva è il riscatto del Popolo sardo ed il benessere della Sardegna

“L’unica prospettiva politica a cui guar…

Leggi tutto...

XXXIII Congresso nazionale PSd'AZ: NOTA CIRCOLARE per i Segretari di Federazione…

Author: Redazione

XXXIII Congresso nazionale PSd'AZ: NOTA CIRCOLARE per i Segretari di Federazione

NOTA CIRCOLARE per i Segretari di Fed

Leggi tutto...

Il paradosso della Lingua sarda…

Author: Giovanni Columbu

Il paradosso della Lingua sarda

Esiste una Legge dello Stato Italiano -…

Leggi tutto...

Un momento delicato per Quartu Sant’Elena…

Author: Guido Sarritzu

Un momento delicato per Quartu Sant’Elena

Non Votare la mozione di sfiducia e' sta…

Leggi tutto...

Sarritzu (PSd'Az): "Sardegna deposito del governo centrale, migranti, rifiuti radioattivi e detenuti…

Author: Redazione

Sarritzu (PSd'Az):

“La REMS, struttura psichiatrica di rece…

Leggi tutto...