1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer

Consiglio Nazionale

Il Consiglio nazionale è l’organo di elaborazione e definizione delle linee politiche generali e settoriali del Partito nel triennio tra i due Congressi e nel rispetto delle decisioni assunte dal Congresso. Viene eletto dal Congresso nazionale con le modalità indicate dal regolamento congressuale.

 

Il Consiglio Nazionale è composto:

·       dal Presidente del Partito che lo convoca e lo presiede (COLUMBU GIOVANNI);

·       dal Vice Presidente (GIACCU SALVATORE ANGELO);

·       dal Segretario Nazionale (SOLINAS CHRISTIAN);

·       dal Segretario Amministrativo Nazionale (CHERCHI GIORGIO);

·       dal Responsabile degli Affari Esteri (COCCO ANDREA);

·       da 71 componenti eletti dal Congresso nazionale:

  1 Abis Fernando

  2 Accocci Gianfranco

  3 Angioi Francesco noto Ceccio

  4 Angioni Pietro Paolo

  5 Boi Paolo

  6 Cabitza Flavio

  7 Carboni Mario

  8 Carboni Massimo

  9 Carta Eligio

10 Chironi Tonino

11 Collu Pietro Sisinnio

12 Cossu Pancrazio

13 Crisponi Stefania

14 Curreli Graziano

15 Dessì Gianni

16 Erre Roberto Mario

17 Esu Stefano

18 Fancello Bardilio

19 Fancello Stefano

20 Farina Angelo Pasquale

21 Fele Salvatore noto Babore

22 Figus Franco

23 Fiori Gianuario

24 Gaspa Gavino

25 Gervasi Alessandro

26 Grova Gianfilippo

27 Leccis Efisio

28 Lilliu Emanuele

29 Loi Nino

30 Madeddu Pietro

31 Manca Di Mores Massimiliano

32 Mancinelli Marco Antonio

33 Marchi Antonio

34 Merella Giannangelo

35 Mereu Pasquale

36 Mesina Giuseppe

37 Mette Roberto

38 Muggianu Walter

39 Mulas Salvatore

40 Murgia Salvatore

41 Nieddu Caterina

42 Onnis Cugia Federico

43 Orecchioni Caterina

44 Ortu Remo

45 Paddeu Giuseppe

46 Pani Davide

47 Patteri Giovanni Battista

48 Pes Enrico

49 Pia Gianni

50 Pieretti Riccardo

51 Pinna Giovanni

52 Pinna Orlando

53 Pintus Antonio

54 Pintus Salvatore

55 Piras Giovanni

56 Piretto Giovanni

57 Pirino Manuel

58 Planetta Efisio

59 Puddu Lino

60 Puligheddu Carla

61 Saba Francesco A.

62 Sanfilippo Francesco

63 Sarritzu Guido

64 Sassu Andrea

65 Scanu Giovanni

66 Sotgia Salvatore

67 Stevelli Christian

68 Tavera Giuliano

69 Trova Roberto

70 Utzeri Tonino

71 Zedda Franco 

·       dai Segretari o dai Commissari delle Federazioni Distrettuali:

-     SANNA QUIRICO (CAGLIARI METROPOLITANA)

-     STEVELLI CHRISTIAN (SASSARI)

-     FADDA AURELIO (SUD SARDEGNA)

-     PIRAS GIOVANNI (NUORO)

-     TRINCAS EFISIO (ORISTANO)

Fanno inoltre parte del Consiglio Nazionale, in qualità di membri di diritto e concorrono alla formazione del quorum per la maggioranza assoluta o qualificata solo se presenti:

·       gli ex presidenti ed ex segretari del Partito che abbiano mantenuto continuativamente la tessera del Partito:

·       CADONI SILVANO (EX PRESIDENTE)

·       ORTU ITALO (EX SEGRETARIO)

·       ACCIARO GIANCARLO (EX SEGRETARIO)

·       PALERMO LORENZO (EX SEGRETARIO ED EX PRESIDENTE)

·       DELITALA ANTONIO (EX SEGRETARIO)

·       TRINCAS EFISIO (EX SEGRETARIO)

·       COLLI GIOVANNI ANGELO (EX SEGRETARIO)

·       SANNA GIACOMO (EX SEGRETARIO ED EX PRESIDENTE)

·     i componenti in carica delle Assemblee legislative sarda, italiana ed europea, i Presidenti delle Amministrazioni Provinciali, in regola con il tesseramento per l’anno in corso:

-     SOLINAS CHRISTIAN

-     CARTA MARIO ANGELO

·       7 componenti nominati dal Consiglio nazionale tra personalità di riconosciuto prestigio, anche non tesserati;

Partecipano ai lavori del Consiglio Nazionale, senza diritto di voto, i membri nominati della Segreteria Nazionale:

-    ESU STEFANO (Responsabile Organizzativo Nazionale);

-    PIRAS MARIA GIUSEPPA (Responsabile Coordinamento delle Federazioni);

-    SANNA QUIRICO (Vice Segretario Vicario).

Il consiglio Nazionale elegge al suo interno, con metodo proporzionale, un ufficio di Presidenza di almeno tre membri.

Il Consiglio Nazionale viene convocato su iniziativa del Presidente, su richiesta del Segretario nazionale o su istanza sottoscritta da almeno 1/5 dei consiglieri.

Il Consiglio Nazionale delibera validamente a maggioranza semplice, ove non altrimenti previsto dallo Statuto, e con la presenza della maggioranza assoluta dei suoi componenti calcolata tra gli aventi diritto al voto e i membri di diritto presenti alla seduta.

Con apposita delibera, il Consiglio Nazionale può estendere la partecipazione alle sue riunioni, in forma occasionale o continuativa ed in veste di uditori, senza diritto di voto, anche ad altri appartenenti al Partito, od a sue strutture collaterali, direttamente od indirettamente interessati agli argomenti in discussione, oppure a tecnici, per la trattazione di argomenti specifici. Con nuova delibera la partecipazione continuativa può essere revocata in ogni momento.

Le norme di funzionamento del Consiglio Nazionale sono stabilite nell'apposito regolamento.

È di competenza del Consiglio Nazionale:

1.   approvare il bilancio preventivo e consuntivo del Partito;

2.   deliberare su tutte le questioni rilevanti e di interesse generale del Partito;

3.   deliberare in ordine alla decadenza dei suoi componenti;

4.   approvare, modificare ed integrare, i regolamenti anche se approvati dal Congresso Nazionale;

5.   stabilire le quote associative e la loro ripartizione;

6.   verificare l’adozione e l’attuazione delle sue delibere da parte delle Federazioni Distrettuali;

7.   vigilare sull'osservanza dello Statuto e sul comportamento politico delle Sezioni;

Al Consiglio Nazionale sono attribuiti i poteri di ordinaria e straordinaria amministrazione del Partito. Con maggioranza assoluta degli aventi diritto calcolata tra gli aventi diritto al voto e i membri di diritto presenti alla seduta può delegare i propri poteri e le proprie attribuzioni ad altri organi o strutture del Partito.

Le dimissioni contemporanee di almeno la metà dei membri del Consiglio Nazionale comportano la convocazione automatica entro 120 giorni del Congresso straordinario; in questo caso, i termini di convocazione di tutte le Assemblee necessarie ad eleggere i delegati di tutti i livelli organizzativi, verranno dimezzati.

I poteri e le competenze del Consiglio Nazionale vengono, per questo periodo di tempo, assunte dal Presidente del Partito. Sino alla nomina del nuovo Consiglio Nazionale non si potranno compiere operazioni di straordinaria amministrazione.

Chircàde in psdaz.net