1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer

PSd’Az Porto Torres: “Consiglio Comunale sia protagonista nella riscrittura del nuovo Protocollo d’Intesa sulla Chimica Verde”

Condividi

“Il Consiglio Comunale di Porto Torres deve ergersi a protagonista nelle scelte economiche, programmatiche e progettuali che segneranno il futuro dell’area industriale Turritana e del nostro territorio più in generale”. Questa l’esortazione della Sezione del PSd’Az di Porto Torres rivolta al Sindaco Sean Wheeler, che “da indiscrezioni trapelate dagli organi d’informazione”, prende atto che si stia lavorando ad un nuovo Protocollo d’Intesa sulla Chimica Verde, senza che la massima Assemblea civica della città ne sia messa a conoscenza.

“Apprendiamo attraverso la stampa di una proposta della Regione Sardegna che mira a spostare i 230 milioni di Euro, a suo tempo destinati alla realizzazione di una centrale elettrica alimentata a bio masse, nel progetto di metanizzazione dell’Isola”. Per i Sardisti turritani, infatti, “le risorse contenute nel Protocollo d’Intesa del maggio 2011 devono essere rimodulate finanziando progetti, studi e opere di stretto interesse economico e sociale per il territorio. Convinti del fatto che solo le Istituzioni elette dal Popolo hanno titolo e il dovere di pianificare l’ambito territoriale di competenza, su questo tema abbiamo coinvolto anche il Gruppo Consiliare del PSd’Az in Consiglio Regionale, che ha fatto proprie le preoccupazioni e le proposte della Sezione Simon Mossa di Porto Torres”.

Da qui un ulteriore mozione depositata agli atti del Consiglio comunale dal Capogruppo sardista Costantino Ligas, che impegna il Sindaco Wheeler a farsi parte diligente affinché l’Assemblea “si riappropri del ruolo che gli compete e si sforzi di valutare le idee e le soluzioni prospettate dal PSd’Az di Porto Torres ed inseribili nel testo del nuovo Protocollo d’Intesa sulla Chimica Verde. “Il filo conduttore del pensiero Sardista sull’argomento – per la Segretaria cittadina Ilaria Faedda – è quello di fare un ragionamento unico sui nuovi progetti energetici proposti da Eni; i forti ritardi nell’assolvimento degli impegni assunti in passato, bonifiche in primis; i danni ambientali derivati dalla presenza dell’ex chimica pesante; l’esigenza di prevedere, tra i progetti che sostanzieranno il Protocollo in discussione, anche interventi, così detti, di compensazione sociale”.

Ma la richiesta piú forte rimane quella di “evitare che i 230 milioni di Euro prendano strade diverse da quella del territorio di Porto Torres e del processo di riqualificazione e rilancio dell’area industriale Turritana”. Nella fase di programmazione e gestione degli interventi che hanno a che fare con il comparto industriale e quello agricolo, il PSd’Az ritiene infatti che non si possa fare a meno delle professionalità ed esperienza in capo al Consorzio Industriale Provinciale di Sassari ed al Consorzio di Bonifica della Nurra.

La mozione sardista, passa anche in rassegna le diverse ipotesi di utilizzo delle somme che sostanzieranno il nuovo Protocollo d’Intesa sulla Chimica Verde, che vanno dal: concorrere nel progetto di revamping e ammodernamento del depuratore consortile, alla realizzazione di un nuovo depuratore che tratti esclusivamente le acque bianche e di prima pioggia, all'effettuazione di studi e ricerche che portino a “sistema” l’utilizzo della risorsa acqua, fino alla realizzazione di un dissalatore per usi industriali e civici. 

Qui a lato il link alla Mozionesu “Adeguamento Protocollo d’Intesa Chimica Verde”

Condividi

Chircàde in psdaz.net