1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer

9 November. Catalonia decides! EFA launches the "Catalonia decides" campaign

9 November. Catalonia decides!

EFA launches the "Catalonia decides" campaign.

EFA website, facebook and twitter will be the platforms used by EFA to launch acampaign on support of the Catalan nation on their will to vote on independence.

Please download here the visuals created for this purpose:FB, Landscape-A3,Landscape-A4, Portrait-A3.

We would like you to take a picture holding this poster, send it to us or post it in the FB event created for this occassion.

We truly believe that this is a good opportunity to participate in this campaign, inviting all the people you know to support and show solidarity with the Catalan people.

Once again we will show that European Peoples support the right to decide.

IT'S THEIR/OUR RIGHT!

Partidu Sardu – Partito Sardo d’Azione

Art. 3 dello Statuto del Partidu Sardu – Partito Sardo d’Azione – VALORI NAZIONALI

Il “Partidu Sardu – Partito Sardo d’Azione” afferma il diritto del Popolo sardo alla libertà ed alla felicità.

Riconosce nella lingua sarda, in tutte le sue varianti, l’espressione della coscienza nazionale del popolo sardo e pertanto opera per la sua diffusione, valorizzazione e uso ufficiale nella scuola e nelle istituzioni.

Tutela la pari dignità delle minoranze linguistiche presenti in Sardegna e sostiene il diritto al pieno sviluppo della loro identità.

Afferma il fondamentale diritto dei sardi residenti fuori dell’Isola di partecipare pienamente alla vita della Nazione.

 

Sostiene le lotte democratiche delle comunità nazionali che non godono dei pieni diritti di sovranità.

Partidu Sardu – Partito Sardo d’Azione

Art. 5 dello Statuto del Partidu Sardu – Partito Sardo d’Azione – SEGNI DEL PARTITO

La denominazione ufficiale completa è “Partidu Sardu - Partito Sardo d’Azione”, in sigla P.S.d’Az.

La lingua ufficiale del P.S.d’Az. è la lingua sarda nelle sue varianti.

È riconosciuto valore ufficiale anche agli atti di Partito nelle lingue comunemente usate in Sardegna.

La bandiera del Partito è un drappo bianco quadrato, bordato di nero, con campo crociato in rosso; nei quarti di campo reca le teste di quattro mori bendati rivolti a sinistra.

Le altre bandiere o simboli usati tradizionalmente costituiscono anch’essi patrimonio inviolabile del partito.

Il simbolo ufficiale del partito riproduce la bandiera.

Il motto è “fortza paris”.

 

L’inno del partito è: “Su patriottu sardu a sos feudatarios (Procurade ‘e moderare)”.

Partidu Sardu – Partito Sardo d’Azione

Art. 1 dello Statuto del Partidu Sardu – Partito Sardo d’Azione – IL PARTITO

 

Il “Partidu Sardu – Partito Sardo d’Azione” è la libera associazione di coloro che si propongono, attraverso l’azione politica, di affermare la sovranità del popolo sardo sul proprio territorio, e di condurre la Nazione Sarda all’indipendenza.

Il PSd’Az in Scozia per il referendum sull’Indipendenza

Una delegazione del Partito Sardo d’Azione, guidata dal presidente Giacomo Sanna e composta dal capogruppo in Consiglio regionale, Christian Solinas, dal segretario amministrativo, Roberto Erre, e dall’ex Deputato, Giancarlo Acciaro, sarà a Edimburgo, unitamente ai rappresentanti dell’European Free Alliance (Efa-Ale), in occasione del referendum per l’indipendenza della Scozia. Il PSd’Az è insieme con lo Scottish National Party (partito promotore del referendum scozzese) tra i fondatori dell’Efa-Ale, il gruppo del Parlamento Europeo al quale aderiscono i principali partiti e movimenti nazionalitari d’Europa.

«Portiamo al fianco degli alleati scozzesi la storia, la tradizione e i simboli del partito che dal 1921 si batte per l’indipendenza della Sardegna e per l’Europa dei popoli – ha dichiarato il presidente dei sardisti, Giacomo Sanna – e siamo pronti a raccogliere e rilanciare con maggiore convinzione la sfida del referendum anche in Sardegna».

«E’ evidente – ha aggiunto il leader del PSd’Az – che il risultato scozzese segnerà una svolta epocale per le istituzioni europee e statali ma soprattutto indica la strada da percorrere a tutte le forze politiche e a tutti i popoli che si battono per il diritto all’autodeterminazione».

«Mi auguro – ha spiegato Giacomo Sanna – che la grandezza dell’iniziativa politica dello Scottish National Party, insieme con la straordinaria prova di maturità e coesione offerta dal popolo scozzese, sappiano essere di stimolo e di esempio per ritrovare una straordinaria unità tra tutte le forze politiche che in Sardegna lavorano e si battono per l’identità, la libertà e l’indipendenza del popolo sardo».

«Per tali ragioni – ha concluso Giacomo Sanna – rivolgo un sincero appello a tutti i partiti e a tutti i movimenti indipendentisti sardi, perché siano presenti in Scozia il 18 settembre, in occasione dello storico voto per l’indipendenza, così da unire – tutti insieme – i Quattro Mori alle bandiere del popolo scozzese e ai simboli di tutti i popoli in lotta per la libertà e l’autogoverno».

Chirca in psdaz.net