1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer

XXXIV CONGRESSO NAZIONALE DEL PARTITO SARDO D'AZIONE – Cagliari 24 e 25 novembre 2018

Il 24 e 25 novembre 2018 si terrà a Cagliari, presso i locali della Fiera Internazionale della Sardegna, il XXXIV Congresso Nazionale del Partito Sardo d'Azione.

Gli accrediti dei Delegati e gli espletamenti precongressuali cominceranno il 23 novembre dalle ore 16.00. Siete tutti invitati a partecipare.

Fortza Paris!!

Il Sardismo è come una quercia saldamente piantata sulla roccia...

«Il Sardismo è come una quercia saldamente piantata sulla roccia.

Nessuno potrà mai sradicarlo da questa terra.

Fintanto che esisteranno i Sardi, continuerà ad esistere il Sardismo»

Antonio Simon Mossa - Sassari, 13 luglio 1971

*** *** ***

«Il Sardismo è una esigenza, è un fattore determinante.

E’ la componente valida di quel vasto e dinamico movimento comunitario che oggi si allarga in tutti i paesi della terra, verso conquiste certe, durature, assolute.

In nome della libertà, dell’uguaglianza e della fraternità.

Il Sardismo è esigenza di giustizia, è simbolo di pace, è pegno per l’avvenire del popolo sardo e di tutti gli altri popoli oppressi»

Antonio Simon Mossa - Ollolài, 10 giugno 1967

*** *** ***

«Noi siamo un Partito rivoluzionario a forte contenuto sociale.

Noi intendiamo mobilitare a fini di riscatto sociale tutto il Popolo Sardo per liberarlo dalla miseria e dalla schiavitù coloniale e neocoloniale che lo opprime; intendiamo affrancarlo dalla segregazione razziale e sociale...

Intendiamo creare un benessere diffuso...

Vogliamo che la produzione e la conseguente ricchezza che ne deriva sia equamente ripartita tra tutti coloro che lavorano e producono»

Antonio Simon Mossa - Bosa, 31 dicembre 1967

*** *** ***

«Non si uccide un'idea con la stessa facilità con cui si uccide un uomo.

Se il Popolo Sardo, la Nazione Sarda, come ogni altro popolo del mondo, come ogni alta nazione, non tenesse ben alta la propria bandiera rinuncerebbe all'onore e porrebbe la propria candidatura all'umiliazione e al disprezzo»

Pisa, 14 maggio 1949

 

*** *** ***

Partidu Sardu – Partito Sardo d’Azione

Art. 2 dello Statuto del Partidu Sardu – Partito Sardo d’Azione – FEDERALISMO

Il “Partidu Sardu – Partito Sardo d’Azione”, co-fondatore dell’ALE – Alleanza Libera Europea, sostiene la libera unione federale o confederale in ambito europeo e mediterraneo di nazioni e popoli su basi di sovranità, solidarietà ed interesse reciproco.

 

Rivendica per il popolo sardo la soggettività politica.

PERCHE’ SIAMO SARDISTI? (di Antonio Simon Mossa)

"Molti ce lo chiedono, perché siamo sardisti, perché persistiamo ad esserlo, soprattutto dopo che la nostra meta – la concessione dell’autonomia - è stata raggiunta. Molti ce lo dicono, ce lo ripetono fino alla nausea.

"Voi", dicono, "siete niente, non rappresentate niente, non significate niente. Voi siete morti dietro quattro mori bendati. Perché non venite con noi? Noi abbiamo idee, abbiamo mezzi, abbiamo programmi, entrature e amicizie. Noi 'possiamo', noi 'facciamo' venite con noi; vi accogliamo a braccia aperte!"

Davvero noi non siamo niente, non rappresentiamo niente, non significhiamo niente?

Che cosa vuol dire niente?

Niente vuol dire quel povero senatore o quel povero deputato (i nomi si possono scegliere a caso, i quali si agitano in frenetiche convulsioni nella grande camera della morte, come tonni che stanno per essere arpionati e si immergono agitando la coda nel sangue fresco del massacro giornaliero, proprio come alla tonnara).

Niente per noi significa colui che riceve prebende e doni, si ammanta di piume variopinte e di medaglie, che serve fedelmente i padroni di oggi, dimenticando e tradendo questa povera terra derelitta.

Noi non siamo niente.

E se non siamo niente perché ci offendete prima e ci lusingate dopo?

Perché ci invitate al banchetto nuziale?

Che figura possiamo fare con le nostre vesti lacere e la fame millenaria alla vostra mensa imbandita?

Noi non siamo niente e siamo morti.

Ma per voi è una sola la frase

che vi definisce: sarebbe meglio per voi se non foste mai nati!

Voi blaterate dalla mattina alla sera di libertà, di pane, di progresso, di riscossa.

Voi avete bisogno dell'ossigeno per non morire soffocati.

Noi no, che siamo morti.

Voi siete come i cani, che vi gettate sulle nostre spoglie, famelici e arrabbiati.

Voi siete i figli di Satana che non vedono la luce.

Voi siete i nostri carnefici e non siete mai sazi del nostro sangue.

Noi siamo morti.

Ma il nostro spirito e vivo.

Noi risorgeremo dalle ceneri.

Ma voi non conoscerete il nostro giorno.

Noi aspireremo i soavi odori del vostro rogo acceso sulle alture dell'imbecillità e del servaggio.

Ma noi non ci pieghiamo alla vostra falsa forza; né cadiamo di fronte all'impeto incontrollato della vostra forza, né cadiamo di fronte all’impeto incontrollato della vostra muta ululante.

Noi siamo la Sardegna, voi siete i Kapò dei dominatori.

Noi siamo liberi e conosciamo la Libertà e sappiamo quale sacrificio costi quella libertà che vogliamo sia patrimonio sacro dei sardi.

Noi abbiamo le nostre frontiere morali.

Voi No.

Voi avete le frontiere ideologiche tracciate dai vostri padroni.

Noi crediamo nella comunità dei popoli, perché noi siamo un popolo, e abbiamo diritto di farne parte.

Voi No.

Perché siete un gregge racchiuso fra staccionate opache.

Noi siamo gli orizzonti, e sentiamo che oltre gli orizzonti una umanità come la nostra vive e anela la stessa nostra libertà.

Voi siete accecati dalla vostra stessa immensa presunzione di eterni servi.

Voi di destra e di sinistra che ci lusingate, ci offendete e ci volete distruggere.

Noi siamo morti: perché siamo poveri.

Ma noi siamo sardisti e siamo gli unici difensori di questo popolo ridotto a un duro servaggio coloniale.

Si, noi siamo morti.

Ma voi siete oltre la vita e la morte, nelle putride lande del vostro Shéol.

E vi rimarrete fino a che sarà scomparso anche il ricordo di una razza di servi."

 

Antonio Simon Mossa

FORTZA PARIS LEGA - PSD’AZ

Fortza Paris non è soltanto l’esortazione tradizionale a stare uniti per esser più forti, ma è allo stesso tempo la precondizione di ogni programma politico del PSd’Az, che resta e vuole continuare ad essere un partito d’azione, concreto e pragmatico, lontano dalla demagogia dei luoghi comuni e degli slogans, e soprattutto il Partito nazionale dei sardi, liberi di decidere senza condizionamenti e senza etichette!

Le imminenti elezioni politiche riguarderanno indiscutibilmente anche il Partidu Sardu - Partito Sardo d’Azione, malgrado lo sbarramento al 3% della vigente legge elettorale riferito all’intero territorio italiano, che impedisce di fatto ai partiti con sola dimensione regionale sarda (nessuno escluso), la partecipazione anche coalizzata che non oltrepassi l’ambito territoriale della nostra Isola, sterilizzandola all’origine e rendendo di fatto velleitaria ogni possibile aspirazione di rappresentanza elettiva.

La partecipazione sardista a questa competizione elettorale è stata perciò portata avanti attraverso la candidatura dichiarata e ben riconoscibile di nostri rappresentanti nelle liste della Lega di Matteo Salvini, che nell’occasione ha fatto il contrario di ciò che hanno sempre fatto ed anche oggi continuano a fare i partiti italiani: e cioè non ha rubato candidature ai Sardi, ma ne ha messo a disposizione. Con lealtà e correttezza, che ricambieremo.

Con la Lega di Matteo Salvini abbiamo dunque definito secondo parametri di concretezza e pragmatismo politico, come è tradizione del Partito inaugurata nel 1921, una nuova piattaforma progettuale di governo per il bene della Sardegna, attraverso la rielaborazione politica di alcuni punti del corpus programmatico storico del sardismo, all'altezza delle sfide che ci attendono ed alla luce delle nuove criticità e della complessità contemporanea.

Per questa stessa ragione, in Sardegna votare Lega significa anche votare il Partidu Sardu - Partito Sardo d’Azione: due partiti entrambi federalisti, insoddisfatti di come vengono trattate le Regioni ed i territori, due partiti contro il centralismo della burocrazia e delle tasse, due partiti con la missione di aiutare la propria gente a superare le grandi difficoltà, a dare al popolo sicurezza, dignità e lavoro.

PER VOTARE SARDEGNA VOTA LEGA.

#PRIMAISARDI

Chirca in psdaz.net